ALZO ZERO 2012

Analisi: Gaza e la politica della 'Grande Israele'

Il bombardamento israeliano di gaza di questi giorni arriva in un momento interessante. Sotto la guida di Benjamin Netanyahu e Ehud Barak, l'espansione degli insediamenti ebraici illegali in terra palestinese è aumentato ad un ritmo senza precedenti. L’Amministrazione Netanyahu ha approvato la costruzione di 850 abitazioni dei coloni nella Cisgiordania occupata nel giugno 2012, anche dopo che il parlamento israeliano ha respinto una proposta di legge per legalizzare retroattivamente alcune delle case esistenti nella zona. Il numero di coloni ebrei in Cisgiordania è quasi raddoppiato negli ultimi 12 anni, con più di 350.000 residenti illegalmente secondo il diritto internazionale. Mentre il ministro degli esteri israeliano Avigdor Lieberman conferma la mancanza di volontà di Tel Aviv di autorizzare i palestinesi a tornare nelle loro terre. Un’apartheid applicato su linee etniche e religiose, è diventata la politica ufficiale del governo israeliano. L'estrema destra politica, che un tempo impersonificava l’estremismo,ora è lo status quo in Israele. 

Mentre Netanyahu ha pubblicamente annunciato l’appoggio per uno stato palestinese in Cisgiordania, il suo governo ha minacciano di porre fine agli accordi di Oslo se le Nazioni Unite concedessero alla Palestina, che non è membro, lo status di osservatore. Un gruppo di giuristi israeliani voluti dal governo di Netanyahu per determinare lo status giuridico della Cisgiordania ha concluso che non vi è "nessuna occupazione" delle terre palestinesi e che il proseguimento della costruzione degli avamposti è completamente legale secondo la legge israeliana, nonostante la critica internazionale. Netanyahu del partito di destra-conservatore Likud si rifà alla filosofia di Ze'ev Jabotinksy, che ha chiesto l'istituzione di un 'Grande Israele', un concetto abbracciato dallo storico israeliano Benzion Netanyahu, il padre del primo ministro di oggi. Sotto la sua influenza, Benjamin Netanyahu è stato indottrinato nelle fondamenta ideologiche del sionismo revisionista, che promuovono insediamenti ebraici in Giudea e Samaria (la Palestina) e la terra ricca biblica di Israele da parte degli ebrei contemporanei, una terra ricca di petrolio che si estende dalle rive del Nilo in Egitto, sulle rive dell'Eufrate(1).

"La Bibbia non trova immagine peggior di un uomo dal deserto. E perché? Perché lui non ha rispetto per la legge. Perché è nel deserto, che può fare quello che vuole. La tendenza verso i conflitti è l'essenza del conflitto arabo. Egli è un nemico per essenza. La sua personalità non gli permette alcun compromesso o accordo. Non importa che tipo di resistenza incontrerà, quale prezzo pagherà. La sua esistenza è una guerra perpetua. La stessa cosa per Israele. La soluzione dei due stati non esiste, non ci sono due persone qui. C'è un popolo ebraico e una popolazione araba... non vi è nessun popolo palestinese, in modo da non creare uno stato per una nazione immaginaria... hanno solo loro stessi inventato un popolo per combattere gli ebrei". Benzion Netanyahu

Un razzo colpisce Tel Aviv per la prima volta dopo la guerra del Golfo, l'assedio di Gaza continua e deve essere visto per quello che è, un’azione premeditata dell’espansionismo israeliano. Netanyahu era un sostenitore zelante dell'ex primo ministro israeliano Ehud Olmert 2008-2009 noto per l’assedio a Gaza denominata 'Piombo Fuso', che ha ucciso oltre 1.400 palestinesi, mentre Israele ha subito solo 13 morti frutto della causalità. Il 14 novembre 2012, forze di difesa israeliane (IDF) hanno lanciato un'offensiva nella zona controllata da Hamas nella Striscia di Gaza e hanno annunciando i loro progressi tramite un account ufficiale su Twitter. L’IDF ha assassinato un importante comandante militare di Hamas, Ahmed al Jabari, che era presumibilmente in possesso di una bozza di un accordo di tregua permanente con Israele. L'accordo prevedeva dei meccanismi per mantenere il cessate il fuoco in caso di futuri scambi di militari tra Israele e Hamas nella striscia di Gaza. I militanti del braccio armato di Hamas a Gaza hanno reagito sparando razzi sul territorio israeliano, una grande percentuale dei quali sono stati intercettati dal sistema Iron Dome di difesa aerea.

Benjamin Netanyahu ha usato questa rappresaglia per rivendicare la superiorità morale israeliana, avvertendo che prenderà "ogni provvedimento necessario" per fermare il lancio di razzi da Gaza verso Israele. I funzionari israeliani hanno allertato 30.000 riservisti per prepararsi ad una possibile incursione di terra verso Gaza, mentre le forze dell'IDF indiscriminatamente uccidono i civili palestinesi che tentano di colpirei bersagli aerei e navali. L'amministrazione Obama ha condannato Hamas di perpetuare la violenza, mentre il governo dei Fratelli musulmani d'Egitto guidato da Mohamed Morsi ha richiamato l’Ambasciatore egiziano da Tel Aviv (Il Venezuela in segno di protesta ha espulso in copro diplomati israeliano NdR). Il Primo ministro egiziano Hesham Kandil è arrivato a Gaza dopo il secondo giorno degli attacchi israeliani in una dimostrazione di sostegno per la Palestina. Attraverso l’IDF' Israele prende di mira le basi militari di Hamas, tentando così di presentarsi come una vittima dei media internazionali. Forze dell’IDF fanno cadere migliaia di volantini orwelliani su Gaza, invitando i cittadini ad assumersi la responsabilità per la propria sicurezza, tirando in causa Hamas", che ancora una volta, ha trascinato la regione nella violenza e nello spargimento di sangue".

Nonostante Israele prenda di mira il governo eletto di Hamas a Gaza, un articolo del Wall Street Journal dal titolo "Come Israele ha aiutato Hamas", cita un ex funzionario israeliano che sostiene che Israele ha incoraggiato la formazione di gruppi islamisti per controbilanciare i nazionalisti laici affiliate all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Il governo israeliano ha anche riconosciuto ufficialmente un precursore di Hamas chiamato Mujama Al-Islamiya definito gruppo di carità, che promette di costruire moschee e una università islamica. Ha collaborato con l'influente sceicco Ahmed Yassin, che si opponeva agli attivisti palestinesi, guidando il movimento islamista sunnita che è diventato Hamas. Alla fine di ottobre 2012, il governo di Hamas a Gaza ha ricevuto lo sceicco Hamad bin Khalifa Al-Thani, l'emiro del Qatar, per una visita ufficiale. Come parte di un pacchetto di aiuti allo sviluppo, Al-Thani ha concesso ad Hamas $ 400 milioni, almeno 150 milioni di dollari andranno verso un progetto di edilizia abitativa nel sud di Gaza - sarebbe ragionevole presumere che grandi porzioni di tale aiuto sarebbe stato investito in difesa. 

Il sostegno dato a Hamas dal Qatar deve essere compresa attraverso il contesto del suo impegno in Siria.

Il New York Times in un suo articolo “flusso di armi ai ribelli a beneficio dei jihdisti in Siria”, affrema che le armi spedite in Siria dall’Arabia Saudita e dal Qatar è stato utilizzato per sostenere i jihdisti di al Qaeda e gruppi affiliati che cercano di rovesciare il governo di Bashar al Assad.

Il Qatar ha tenuto numerose riunioni con i leader dell'opposizione siriana, e ospita un’ importante base aerea dell’Us Air Force a Al-Udeid, a ovest della capitale, Doha. Il Qatar ha anche permesso la creazione di un centro del Brooking Institute nel suo territorio. Il Brookings “Saban Center for Middle East Policy” ha pubblicato il Salvataggio della Siria: Opzioni da valutare per un cambio di regime nel marzo 2012 e le direttive descritte nella relazione sono apparentemente diventata la politica degli alleati occidentali e Paesi del Golfo, che mirano a rovesciare il governo siriano. Il Centro Saban che ha pubblicato la relazione è stato fondato nel 2002, quando il magnate israelo-americano Haim Saban ha promesso quasi $ 13 milioni della Brookings Institution, nel tentativo di influenzare la politica Usa in chiave filo-israeliana.

Nonostante sostenga a parole la causa palestinese, il Qatar è per una politica studiata per offrire un pretesto per consolidare il potere di Israele. Sia il Qatar che l'Arabia Saudita hanno collaborato con gli Stati Uniti e Israele, esportando l'ideologia salafita che è così importante tra i combattenti ribelli radicali di Hamas e l'esercito ribelle siriano, usando la loro enormi ricchezza di petrolio per finanziare e armare questi movimenti. 

In uno scritto dall’israeliano Bechor Guy, editorialista, dal titolo "Pericoli di uno stato palestinese", egli lamenta la possibilità di una Palestina indipendente, nella paura che la nazione possa diventare un mezzo per la violenza degli estremisti:

"Uno stato palestinese sovrano assorbirebbe immediatamente 700.000 palestinesi, che vivono in condizioni terribili in Siria, altri 750.000 palestinesi che attualmente vivono in Libano e centinaia di migliaia di altre persone che si aggregherebbero al nuovo stato, perché per loro la Cisgiordania e Israele sono l'America - basta chiedere agli infiltrati africani. A causa della 'primavera araba’, la Siria e il Libano prenderebbero volentieri a calci i palestinesi, e lo Stato palestinese li accoglierebbe a braccia aperte, al fine di modificare la realtà demografica sul terreno. Qatar e l'Arabia Saudita potrebbero finanziare l'intero esodo. 

Così, lo stato palestinese diventerebbe una delle aree più densamente popolate del mondo e rappresenterebbe una minaccia demografica per Israele. In altre parole, in un prossimo futuro potremmo vedere centinaia di migliaia di palestinesi che si stabiliscono in Cisgiordania. Alcuni di loro sono tra le persone più pericolose in Medio Oriente: salafiti, membri di milizie armate siriane e libanesi, così come i membri dei vari gruppi jihadisti. Essi si stabilirebbero in luoghi vicino a Haifa, Tel Aviv, all’aeroporto Ben Gurion e Gerusalemme. Il saldo demografico in questa regione sarebbe cambiato per sempre. La nostra vita diventerà un incubo stile siriano". 

Nel 1952, il ministro della Difesa israeliano Moshe Dayan parlò con ardore a Tel Aviv del suo fine ultimo, la creazione di un “impero israeliano” oggi, Netanyahu con la sua amministrazione arrogante e megalomane, ha sottolineato con una visione messianico-catastrofica del mondo, che Israele è "l'eterna nazione". In effetti, un dominio Salafita sulla la Palestina potrebbe causare problemi per Israele e fornisce un necessario pretesto per Israele d’impegnarsi militarmente contro i gruppi palestinesi, con l'obiettivo finale di riconquistare la loro terra per l'insediamento ebraico. L’”Operazione pilastro della difesa”, lanciata a pochi mesi di distanza dalle elezioni in Israele, è un elemento calcolato della strategia del governo di Netanyahu per rovesciare Hamas e continuare ad assorbire territorio palestinese. Decenni d’occupazione e l'apartheid hanno modellato l'attuale scenario, Israele ha disumanizzato un intero popolo, togliendo la loro terra e costringendolo in una prigione-ghetto. Gli aderenti al Sionismo politico hanno dimostrato disprezzo per una vera soluzione politica del conflitto palestinese, Netanyahu e l'amministrazione sono pronti a schiacciare ogni opposizione allo stato ebraico. 

Un razzo colpisce Gerusalemme…, è chiaro che la risposta israeliana è stata rapida. Mentre la situazione storica del popolo palestinese non può essere ignorato, il comportamento di Hamas può essere controproducente, nonostante che la potenza di fuoco israeliana sia esponenzialmente più distruttiva. L'assedio di Gaza da lo spunto per prendere in considerazione la previsione di Henry Kissinger, "In 10 anni, non ci sarà più Israele". Sedici agenzie di intelligence degli Stati Uniti hanno redatto un rapporto di analisi di 82 pagine, intitolato "Preparazione per una post-Israele in Medio Oriente, "dove si conclude che la coalizione del Likud di Netanyahu, ha accettato con entusiasmo e sostenuto gli insediamenti illegali, applicando al contempo un regime di apartheid ai palestinesi. Israele, l'unico paese dotato di armi nucleari in Medio Oriente, ha tutti i crismi di uno stato “paria internazionale” e il suo atteggiamento attuale è impossibile da mantenere. Se Israele devasta Gaza, si creerebbero i presupposti di un nuovo slancio che minaccerebbe l'esistenza stessa dello Stato ebraico.

Da:Land Destroyer

Nile Bowie è uno scrittore residente a Kuala Lumpur e fotografo americano per il Centro per la Ricerca sulla Globalizzazione a Montreal, Canada. Egli analizza i temi del terrorismo, economia e geopolitica.

(1)Israele ha le seconde maggiori riserve di petrolio al mondo.

di Jean Patrick Grumberg

 

Dopo il mio articolo sulla scoperta di un giacimento petrolifero gigante in Israele sono stato sommerso di domande alle quali devo rispondere.

La domanda scottante è, naturalmente, se questa informazione è confermata. La risposta è un sonoro:

SI!

Il giacimento di petrolio scoperto in Israele non è un miraggio, o un'astrazione, non una teoria da confermare. Si tratta di una realtà dura come la roccia che fa Israele le riserve di petrolio tra i primi in tutto il mondo. 

Il Consiglio mondiale dell'energia con sede in Gran Bretagna ha annunciato in un primo tempo, nel novembre 2010, che le riserve di petrolio scoperti in Israele ammontano a quattro miliardi di barili di petrolio. Nessuna informazione nei media.

Tale valore è stato rivalutato a fine 2010 al Simposio della Colorado School of Mines, dal professor Yuval Bartov, geologo capo dell'iniziativa sull’energia del governo israeliano, a 250 miliardi di barili (l’Arabia Saudita ha 260 miliardi di barili di riserve). Esperti e analisti indipendenti invitati a esplorare i dati, hanno confermato le valutazioni.

Alla fine del mese di marzo 2011, la rivista Energy Tribune cita lo scienziato capo della società Royal Dutch Shell, Aceto Harold, che conferma che Israele è in grado di estrarre petrolio per almeno 250 miliardi di barili e che il deposito si estende su una superficie di 234 chilometri quadrati nel bacino di Shfela posto al centro del paese.

Howard Jonas, un imprenditore e uno dei principali finanziatori ai lavori israeliani per un lungo periodo di tempo, nel 2008, ha ricevuto una licenza da parte del governo israeliano. Il magnate dei media Rupert Murdoch e Lord Jacob Rothschild sono stati tra i primi investitori nella società IEI (Israele Energy Initiative). 

La seconda questione di cui mi sono maggiormente chiesto è perché i media israeliani non ne hanno parlato? Hmm... in effetti si parla poco nei mezzi di comunicazione di massa, ma molti in riviste specializzate. Il Jerusalem Post parla rapidamente e il Financial Post dedica un articolo dettagliato nel suo numero del 10 giugno 2011 e conferma la presenza di petrolio estraibile per 250 miliardi di barili.

© Jean-Patrick Grumberg per Dreuz.info

 

18/11/2012


pagina di alzo zero

alzo zero anno 2011

home page