NOTIZIE 2011

Base Usa Vicenza: Né dolcetti né scherzetti

di Italiasociale

L’arroganza degli yankees non conosce limiti. Quest’anno, per la prima volta, gli abitanti del Villaggio della Pace, dove abitano i familiari dei militari Usa della caserma Ederle di Vicenza, festeggeranno Halloween a porte chiuse, senza invitare la cittadinanza berica. Il motivo? Ufficialmente le solite patetiche e ridicole questioni di sicurezza (ma come, lisciamo loro il pelo da 60 anni e hanno paura che qualcuno possa combinare qualcosa?), in realtà la motivazione è molto più terra terra: sembra che gli italiani presenti negli anni precedenti pensassero unicamente ad imbottirsi di dolci, incuranti della "solenne" festività americana. E’ quanto risultato da un dibattito innescato su Facebook dal colonnello David Buckingham, il comandante della guarnigione statunitense. Leggiamo un po’ di queste preoccupazioni dei solerti sceriffi a stelle a strisce. Una mamma scrive: "Mi chiedevo se sarebbe possibile distribuire dei volantini in italiano spiegando come si festeggia. Forse così la presenza degli adulti e l’atteggiamento ‘gratis per tutti’ sarebbero eliminati. Mi domando se tutto non sia dovuto a un fraintendimento delle nostre tradizioni". Subito incalzata da un’altra: "L’anno scorso ci siamo divertiti, anche se le caramelle sono finite abbastanza rapidamente. Se quest’anno per i nostri bambini sarà una brutta esperienza a causa del sovraffollamento dubito fortemente che parteciperemo in futuro". E ancora: "Non voglio mancare di rispetto a nessuno, ma gli italiani fanno quello che vogliono, non rispettano le file e arraffano le caramelle. Questa è una festa per bambini, non per adulti. Gli scorsi anni c’erano le file di persone fuori dalle case ad aspettare le caramelle". Senza scordare i costi sostenuti: "L’anno scorso abbiamo speso più di 70 dollari in dolcetti. Un sacco di adulti italiani senza maschera e armati di sacchetti hanno arraffato caramelle a manciate dalla mia cesta". Un vero e proprio fiume in piena di insulti al nostro popolo, nonostante l’esplicito richiamo all’ordine del colonnello Buckingham: "Vi ricordo che questa è una pagina pubblica di Facebook, i vostri post possono essere visti da chiunque nel mondo, ed è importante per noi mantenere una buona immagine della nostra comunità. Quindi, per favore, siate rispettosi". Ma alla fine ha ceduto anche lui, permettendo l’ingresso solamente ai dipendenti italiani e agli amici delle famiglie americane. Ma questi, dal nostro punto di vista, farebbero bene a non presenziare a questa ridicola festa, almeno come forma di solidarietà verso il resto della popolazione italiana. Un ultimo consiglio ai cittadini della zona. Perché, per farvi perdonare delle caramelle mangiate negli anni scorsi, non lanciate all’interno della caserma, ovviamente a vostre spese, dei magnifici dolcetti al gusto aglio?


23/10/2011


pagina delle notizie

home page