INTERVISTE 2013

 

Intellettuali e storici ci parlano di Erich Priebke

 

di Giovanna Canzano

 

La morte di Erich Priebke ha sconvolto l'opinione pubblica come fu l'eccidio delle Fosse Ardeatine, e, nonostante libri e interviste che Priebke ci ha lasciato, ancora non concordano le varie versioni dei fatti di allora. E, a 70 anni dal 'rastrellamento' dal ghetto ebraico di ebrei, il Parlamento Italiano sta per approvare una legge per limitare la libertà di ricerca storica. 

Martedì scorso, la Commissione Giustizia del Senato aveva approvato un emendamento presentato dal senatore Felice Casson del PD che modificava l’articolo 414 del codice penale, quello che riguarda l’istigazione a delinquere. La norma, presentata da tutti i gruppi e votata a maggioranza, prevede un aggravio di pena del 50 per cento «se l’istigazione o l’apologia riguarda delitti di terrorismo, crimini di genocidio, crimini contro l’umanità o crimini di guerra. La stessa pena si applica a chi nega l’esistenza di crimini di genocidio o contro l’umanità».

Niente approvazione accelerata del Senato al disegno di legge per reprimere il negazionismo. Nel settantesimo anniversario della deportazione degli ebrei romani da parte dei nazifascisti, il presidente del Senato Pietro Grasso ha deciso di assegnare il ddl alla sede deliberante in commissione Giustizia.

Ho girato questa notizia ad alcuni intellettuali e storici. Di seguito le loro risposte.

 

Franco Damiani

Sono indignato per lo scempio che è stato fatto di ogni barlume di civiltà ad Albano Laziale in occasione dei funerali (che al momento non so ancora se tenutisi oppure no) del capitano Erich Priebke, un cattolico morto in grazia di Dio. É inconcepibile che nella nostra epoca che si vanta civile e progredita ci sia chi, indisturbato, infierisce anche dopo la morte, su di un uomo che ha già pagato ben più del dovuto i conti con la giustizia umana, e, che è stato preso a simbolo del Male Assoluto da chi tenta di nascondere i crimini della democrazia.

Tra questi uno dei peggiori è la legge che apprendo essere in fase di approvazione contro la libertà di ricerca storica sulla Seconda Guerra Mondiale e in particolare sul cosiddetto Olocausto ebraico. Due gravissimi regressi, dunque, nel sentiero della civiltà. Mi preme sottolineare in entrambi i casi le pesantissime responsabilità della sedicente Chiesa di Jorge Mario Bergoglio, che su entrambe le vicende osserva un farisaico silenzio.

 

Claudio Moffa

La vicenda del funerale del centenario Priebke - dunque appena ventenne  nella II Guerra Mondiale - è veramente vergognosa. Ogni decenza è stata travolta, e, c’è anche da sospettare che ci sia stata una accurata regia. La chiesa poi che nega il funerale, è mostruoso. Ma la cosa più vergognosa sono i leaders politici, le frasi vuote che hanno detto, e quei 23 signori che pretendono di rappresentare 60 milioni di italiani per legiferare su una questione di cui solo gli imbecilli e i disonesti possono negare la complessità, e il costante intersecarsi con i principi di libertà di pensiero e di ricerca storica garantiti fino ad oggi dalla Costituzione. Il problema è che alle teste vuote dei firmatari del progetto di legge corrispondono le tasche piene di chi è servo dei poteri forti, di chi non ha dignità eppure siede in parlamento. Il parlamento dovrebbe essere spazzato via. La reazione dei 5stelle quando Napolitano ha tentato l'ennesimo golpe - far votare la Commissione Giustizia che fino ad allora si era pronunciata in sede referente, in sede invece deliberante - è stata utile, ma ora bisogna vedere cosa succederà in aula, o a livello di governo e di possibili elezioni. E comunque su questo problema si resta sempre sulla difensiva, invece di affermare con forza il principio della libertà di espressione, di ricerca e di insegnamento. Come se a vergognarsi dovessero essere quelli che sostengono queste posizioni, e non il contrario.

 

Giovanni Bartolone

La vicenda Priebke non è stata gestita bene. Mi ricordo di una sua assoluzione e di un’occupazione di un’aula di Tribunale da parte di una folla tumultuante guidata dal ministro della Giustizia del tempo. Non è tenendo in prigione un uomo di 100 anni e con il successivo vilipendio del suo cadavere che si fanno i conti con la Storia. La ricerca della verità su quei terribili giorni spetta agli storici. Sono loro che devono fare piena luce su quanto successo. La rabbia dei parenti delle vittime è giustificabile. Meno giustificabile è la mala gestione di tutta la vicenda e la speculazione politica.

Sappiamo però che da sempre è: "Guai ai vinti". Il generale americano George Patton che ordinò di non fare prigionieri in Sicilia è ricordato come un glorioso condottiero. I soldati che ubbidirono ai suoi ordini, rendendosi responsabili di una diecina di stragi ai danni di prigionieri italiani e di tre contro civili in Sicilia, possibilmente vivono liberi in America, eppure i loro nomi sono noti da anni in Italia. Mentre i soldati americani potevano rifiutarsi, come avvenne in qualche caso ad esempio nella strage di civili della saponeria di Canicattì, non credo che Priebke potesse rifiutarsi di obbedire a un ordine diretto di Adolf Hitler, particolarmente adirato per la strage compiuta dai partigiani comunisti contro i suoi uomini. Ci sarebbe stato un fucilato in più: Erich Priebke.

A quasi 70 anni dei fatti ritengo ogni crimine – da chiunque commesso - prescritto e che il giudizio spetti solo agli storici e a Dio.

Sono contrario a questa legge liberticida. E spero che il Parlamento ci ripensi. È contraria alla libertà di ricerca e limita quella di espressione dei cittadini. Approvandola ci sarà una verità di Stato e gli italiani saranno meno liberi. Si potrebbe configurare una violazione della costituzione. Chi oserà mettere in discussione il tabù di Stato potrà essere incarcerato o allontanato dalla cattedra. In poche parole sarà demonizzato. Anche chi vende dei libri revisionisti, potrebbe essere arrestato. Esemplare è la vicenda del libraio editore di Barcellona Pedro Varela. È stato in prigione per quasi due anni per aver diffuso dei libri – NON da lui scritti - contenenti affermazioni revisionistiche. I medesimi libri – spesso dei classici - erano in libera vendita in tutta la Spagna o erano adottati nelle università iberiche. I libri sequestrati a Varela furono poi dati al rogo. Lo Stato spagnolo è stato poi condannato dalla Corte di Strasburgo per violazione dei diritti umani di Pedro Varela.

 

Giorgio Vitali

IL CASO PRIEBKE è emblematico del CAOS nel quale vive la società italiana contemporanea. DICIANO CAOS perchè la situazione presente è CAOTICA per decisione dei SUPERIORI, i quali cercano OGNI SCUSA per continuare a frodare gli ITALYOTI che  NON SAPREBBERO esternare un GIUDIZIO ragionevole. IMMAGINIAMO che pacchia per quelli che devono fronteggiare la RABBIA crescente degli Italyoti a causa di fatti incontestabili, quali le ruberie del sistema, dei politici, dei loro lacchè televisivi, etc... poter far scaricare la  TENSIONE con le VIOLENZE di piazza in occasione del funerale di questo personaggio apparentemente scomodo, ma che scomodo non è. Intanto è bene sottolineare che queste violenze sono state esaltate dai MEDIA, ma si è trattato in sostanza di qualche calcio alle gomme del furgone che trasportava la bara. NON crediamo che questi italici violenti siano capaci di più di tanto. Si tratta, in ogni caso, di tifosi del pallone frustrati. Circa il personaggio Priebke, le cose NON sono come vengono raccontate. E questo ci chiarisce ulteriormente come l'imposizione di un MITO, di qualsiasi MITO, comporti inesorabilmente delle CONSEGUENZE apparentemente logiche, ma che con la REALTA' STORICA hanno ben poco a che spartire. PER CONCLUDERE, invitiamo i nostri amici seguire i video che abbiamo fatto sull'argomento e che sono reperibili su ACCADEMIA DELLA LIBERTA' YOU TUBE.

 

Giovanni Luigi Manco

Su Priebke vorrei chiedere soltanto come si può dare medaglia d'oro ad un autentico criminale come Arrigo Boldrini che, a guerra finita, con una masnada di suoi pari, ai suoi ordini, prelevò, seviziò e uccise barbaramente centinaia di persone lungo le rive del Brenta e del Bacchiglione; come si può dare medaglia d'oro e fare funerali solenni ad un Bentivegna che ammazza 33 giovani soldati di leva italiani, più un bambino, un civile ed altri in seguito per le ferite riportate, con lo scopo deliberato di provocare la rappresaglia, come si può chiudere gli occhi su questo ed altro ancora e poi sputare, prendere a calci la bara dell'uomo costretto ad eseguirla? Non sanno, o fingono di non sapere che tutti martiri delle Ardeatine hanno sperato fino all'ultimo momento nella consegna dell'assassino? Del rastrellamento degli ebrei romani, il 16 ottobre '43, non sono responsabili i nazifascisti ma i solo i nazionalsocialisti; il fascismo era già caduto tre mesi prima, il 25 luglio 1943, in seguito alla delibera dell'organo supremo del regimo, il Gran Consiglio del fascismo. Il Negazionismo?

La mano nera dell'inquisizione ai nostri giorni. Si può essere così bestiali, retrogradi, incivili, da interdire la libera ricerca, conoscenza, anche alle università, agli storici di professione? un'enormità il solo pensarlo! La cultura, la scienza non si piega, non deve piegarsi alle intimidazioni del diritto penale, ad una legge, oltretutto deliberata da un Governo tecnico, che viola la Costituzione: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione." art. 21 c.1° No, questa prezzolata casta politica, dopo aver privato gli anziani, di fato, della pensione, ai giovani il diritto al lavoro, non può toglierci anche il diritto di pensare. Non dobbiamo permetterlo, a costo di dichiararci tutti, a prescindere dalla personale persuasione, negazionisti, in difesa della libertà, contro ogni arroganza inquisitoria.

 

Augusto Sinagra

Già parlare di "nazifascisti" è una grandissima stronzata. Significa non sapere nulla ne’ di fascismo e ne’ di nazismo.

Secondo: il 16 ottobre 1943, come tutti sanno, intervennero molti fascisti per cercare in qualche modo di impedire l’arresto degli ebrei da parte dei nazisti.

Sulla base di premesse totalmente sbagliate è impossibile dare interviste.

 

Gian Paolo Pucciarelli

Come facilmente si può notare l'argomento Priebke si accavalla al problema principale: come reprimere ogni tentativo negazionista e colpire come si vuole il cosiddetto antisemitismo. La morte del centenario Priebke e la polemica relativa al tempio nel quale dovrebbe tenersi il suo rito funebre non fanno altro che confermare questa tesi. La stessa chiesa cattolica tentenna in ossequio agli accordi tra Toaf e Papa Wojtila. Lo storico attento  osserva la curiosa strumentalizzazione del passaggio ad altra vita di un presunto criminale nazista.

Ma nessuno osa parlare della strage di Via Rasella, ordinata dal comunista Giorgio Amendola (coma da dichiarazione scritta da quest'ultimo) per eliminare i comunisti italiani, (rastrellati da Regina Coeli e fucilati alle Fosse Ardeatine), non schierati lungo la linea imposta da Stalin. Incontravo Priebke per caso , all'ospedale Pertini di Roma, dove accompagnavo mia Madre per i prelievi di sangue e le analisi settimanali. Priebke che si sottoponeva agli stessi esami era seduto insieme ad una cinquantina di persone nella sala d'attesa.

Impassibile, nessuno dei presenti si accorgeva della sua identità. Solo io, mia Madre e pochi altri. Era accompagnato da una assistente. Questo avveniva credo durante il periodo degli arresti domiciliari, regime che gli fu consentito dalle autorità italiane per ragioni di età e di salute.

 

Federico Dal Cortivo

SE UN FATTO STORICO E’ IMPOSTO PER LEGGE ALLORA VUOL DIRE CHE É UNA MENZOGNA. A voler essere maligni si potrebbe pensare che la morte dell'Ufficiale tedesco sia stata l'occasione propizia per dare un accelerata all'approvazione anche in Italia, di una legge liberticida come quella che punirebbe tutti coloro che negassero il cosiddetto "olocausto ebraico". in effetti è così, credo che la comunità ebraica molto influente sui giullari che siedono in Parlamento, farà il possibile per far approvare questa legge anticostituzionale Art 21. É fuor di dubbio che la libertà di pensiero verrà così compressa, a tutto vantaggio di chi sostiene il dogma sterminazionista, perchè si tratta senza ombra di dubbio di un vero è proprio dogma che ha oramai preso il posto di quello cristiano sull'esistenza di Dio, la cui esistenza si può tranquillamente negare, ma non si potrà più negare l'esistenza delle camera a gas e dei campi di sterminio, pena la reclusione e pesanti sanzioni amministrative. Verrà blindata di fatto una "verità", che dal 1945 fa il gioco del sionismo internazionale e dello Stato d'Israele, che gode proprio grazie a questo dogma della totale impunità internazionale per i numerosi crimini di guerra che ha commesso e continua a commettere contro il popolo palestinese. É palese che una legge che stabilisse l’esistenza indiscutibilmente di un fatto storico è di per se ridicola oltre che pericolosa, perché starebbe a significare che coloro che la sostengono hanno una maledetta paura che la ricerca storica possa distruggere un mito sostenuto guarda caso ad arte dai vincitori della II Guerra Mondiale e dai sionisti, per criminalizzare l’avversario e occultare i crimini commessi dai loro eserciti in Europa e in Asia. Il terrore per un eventuale pacato e sereno dibattito e confronto sulla materia, che sarebbe naturale visto che parliamo di fatti storici i quali se effettivamente assodati, dopo studi e ricerche scientifiche libere, andrebbero solo verso l’interesse delle presunte vittime, è tale che si ricorre alle leggi, già operative in Francia, Austria e Germania tanto per citare alcune nazioni sotto tutela (fuori dall’Europa e Stati Uniti per fortuna molti popoli non hanno ancora subito il lavaggio del cervello), in puro stile Inquisizione per reprimere ogni dissenso. Credo che con ciò costoro faranno alla fine solo un clamoroso autogol, perché come reazione spingeranno le persone a chiedersi perché tale accanimento storico, se di verità si tratta, e così il grande fratello orwelliano dovrà inventarsi sempre nuove armi, ma non potrà mai imprigionare il pensiero di ogni uno di noi.

 

Carlo Morganti 

L'esame storico di fatti ed eventi è una continua ricerca della verità, e la storia, è fatta proprio di tali ricerche continuamente aggiornate pertanto proibire tale analisi storiche è un atto che contraddice la maggiore esaltazione della odierna democrazia così come oggi è decantata in tutto il mondo d'influenza anglo-americana.

Ne consegue che vietare la ricerca storica è disposizione tirannica che comprova che una ricerca storica potrebbe dimostrare ciò che con il divieto della ricerca si teme di scoprire.

     

Antonio Pocobello

Che Pacifici e la comunità ebraica romana stanno sbavando da anni per avere in Italia, come in Germania, in Francia, eccetera, una legge (incostituzionale) che vieta le ricerche sulla verità dell'olocausto si sa da tempo. I cittadini grazie ai "revisionisti" stanno prendendo coscienza della verità storica ed i dogmi della shoà incominciano a vacillare. Non solo, sempre grazie a i "revisionisti", si incomincia a capire chi sono i "veri mostri" e perché hanno voluto costruirci e far passare Hitler e Mussolini per veri "mostri" (che tali non sono stati).

Ecco allora che Pacifici e compagni sciorinare la stessa violenza quando Priebke fu assolto e poi soltanto grazie a questa violenza fu condannato proprio per dimostrare il loro potere su di noi italiani. Duncue quale occasione migliore per imporre una legge "antirevisionista" con il casino che avevano preparato da tempo ed ad hoc sulla salma del povero soldato tedesco ? Con l’aiuto dei media per loro è andata tutto al meglio. Una cosa è certa dove non c'è la "PIETAS" non c'è umanità. Come gli ebrei non hanno "pietas" per i Palestinesi. Per gli allocchi che ritengono Priebke boia devono sapere che i soldati sono tenuti ad eseguire gli ordini. Allora perchè non prendersela con i militari USA che lanciarono due bombe atomiche sull'inerte Giappone a guerra finita e le vittime infinitamente maggiori ? Dulcis in fundo. Ma se gli esecutori si fossero presentati, anche perchè uccisero due (o più) italiani, sicuramente non ci sarebbe stata nessuna decimazione e niente fosse ardeatine. E per le due vittime dei partigiani è giusto che non le paga nessuno ? Ed i romani in quelle ore erano inferociti contro questi partigiani. Anche questo viene taciuto.

 

Ciro Sbailò

non rilascia dichiarazioni, però si rifà ad Antigone, tragedia di Sofocle. Se Antigone s'è fatta condannare a morte pur di garantire una dignità a Polinice, una ragione c'è. Certe cose non si negano a nessuno. Tutto qua.

Quindi, secondo Sbailò bisogna seguire l'esempio di Antigone, nella tragedia di Sofocle.

"L'opera racconta la storia di Antigone, che decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice contro la volontà del nuovo re di Tebe Creonte. Scoperta, Antigone viene condannata dal re a vivere il resto dei suoi giorni imprigionata in una grotta. In seguito alle profezie dell’indovino Tiresia e alle suppliche del coro, Creonte decide infine di liberarla, ma troppo tardi, perché Antigone nel frattempo si è impiccata. Questo porta al suicidio il figlio di Creonte, Emone (promesso sposo di Antigone), e poi la moglie di Creonte, Euridice, lasciando Creonte solo a maledire la propria stoltezza." (da Wikipedia)

 

19/10/2013


home page

pagina delle interviste

Archivio interviste 2012