INTERVISTE 2015 

 

"Mafia Capitale": l'intervista all'Avvocato Giosuè Bruno Naso, legale di Carminati
 

di Antonella Ricciardi

 

Ricciardi: " In estrema sintesi, può spiegare almeno le ragioni principali per cui ritiene che l'accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso sia un capo d'accusa non idoneo, rispetto alla realtà dei fatti ed ai principi del Diritto, riguardo il suo assistito Massimo Carminati?"

 

Naso: "Sì, dunque, è singolare che proprio in questi giorni, sulla stampa quotidiana, si denunci socialmente il malaffare,  a commento delle vicende che riguardano principalmente il comune di Roma, ma non soltanto il comune di Roma: mi riferisco alla vicenda della TAV, la questione che riguarda l'ingegner Incalza, mi riferisco alle vicende del Mose di Venezia, mi riferisco alle vicende dell'Expò di Milano...tutte vicende nelle quali la magistratura è intervenuta con provvedimenti cautelari sia personali che di natura reale, denunciando un sistema corruttivo, un sistema di inquinamento del funzionamento della pubblica amministrazione come un fattore endemico di questa politica e di questa società. Allora, se questo è vero, e temo che in gran parte sia vero, e che sia confortato da una serie di elementi di riscontro oggettivo che questa denuncia di carattere sociale riceve, anche da parte della magistratura, non riesco a comprendere la  ragione per la quale questo stesso aspetto del problema a Roma si debba manifestare attraverso il richiamo di realtà criminali come quelle dell'associazione di stampo mafioso. Io mi sono permesso di dire, a commento dell'ordinanza, quando sono stato intervistato da altri mezzi di informazione, che in questo momento, nel nostro Paese, e anche a Roma,  al comune di Roma: nella realtà politica romana, negli enti locali di Roma, del Lazio e di tutta Italia, più che associazioni di stampo mafioso, purtroppo ha allignato un sistema di cultura mafiosa: che è qualche cosa, però, di sostanzialmente diverso..."

 

Ricciardi: "A Roma, c'è stata anche la vicenda delle critiche radicali alla gestione di Zingaretti, tra le varie vicissitudini..."

 

Naso: "Allora il problema è che siamo di fronte ad una struttura politico-amministrativa dello Stato, degli enti locali, degli enti comunali..della Pubblica Amministrazione, che è connotato da una serie di fattori di inquinamento, da fattori distorcenti il regolare funzionamento della Pubblica Amministrazione, di corruttela diffusa...ma tutto questo nulla ha a che vedere con il fenomeno di stampo mafioso, così come storicamente e giudiziariamente abbiamo avuto la sventura di conoscerlo nel nostro Paese. Il sistema di stampo mafioso presuppone un controllo del territorio, attuato attraverso la intimidazione e la violenza, cosa che in tutti questi fenomeni, e sicuramente nella vicenda di «Mafia Capitale», non esiste. L'associazione di stampo mafioso presuppone uno stretto legame interpersonale tra i cosiddetti sodali dell'associazione...cosa che, nella vicenda denominata «Mafia Capitale» non esiste: addirittura, alcuni indagati non ne conoscono altri... E, quindi, voglio dire, sono carenti proprio gli elementi strutturali che consentono di affermare la sussistenza di un'associazione di stampo mafioso. E', quella di Roma, purtroppo, una squallida, conosciuta vicenda di corruttela a livello amministrativo, che purtroppo si è verificata: certamente non è un fenomeno commendevole, non è un fenomeno da sottovalutare, da ritenere meno grave o meno pericoloso di altri, ma non ha niente a che vedere con l'associazione di stampo mafioso. Questo è quello di cui sono convinto, e questo è quello che sono convinto emergerà all'esito della celebrazione del processo, se il processo sarà stato fatto, istruito e seguito con distacco, con serenità, con obiettività, e non coltivando un pregiudizio".

 

Ricciardi: "A proposito di pregiudizio, lei mi ha dato un appiglio molto interessante per un'altra domanda, uno spunto molto interessante: pensa che possa aver pesato un pregiudizio politico nel rilievo attribuito a Massimo Carminati, oltre che esponente della banda della Magliana, un tempo militante della formazione neofascista NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari), in questa vicenda?"

 

Naso: "Enormemente; Carminati paga, da trent'anni, a questa parte, un prezzo altissimo a questo pregiudizio. Io non ne sono indicare le vere ragioni, per le quali questo pregiudizio si è formato, ma non c'è dubbio che Carminati ha dovuto convivere con la fama, assolutamente infondata, di soggetto intraneo, o comunque non estraneo, al mondo dei servizi segreti: ovviamente,  servizi segreti segreti deviati: non quelli retti. Carminati ha dovuto convivere con la fama, assolutamente infondata, di soggetto pronto a qualsivoglia azione, operazione: anche le più ardite e delicate... leggasi il ruolo di killer del giornalista Mino Pecorelli..."

 

Ricciardi: "Fu coinvolto, infatti, nel processo Andreotti..."

 

Naso: "Era stato accusato di essere al soldo del senatore a vita Giulio Andreotti".

 

Ricciardi: "Ricordiamo che la vicenda si concluse con un'assoluzione".

 

Naso: "Sì, comunque Carminati ha dovuto pagare un prezzo altissimo al pregiudizio in forza del quale sarebbe stato il soggetto di collegamento tra la criminalità organizzata e quella eversiva, sol perché in carcere aveva avuto dimestichezza con gente come Giuseppucci o Abbruciati. Insomma, Carminati è una vita che convive con pregiudizi, che poi, all'esito di verifiche dibattimentali serie, di verifiche processuali serie, si sono rivelate, appunto tali:  pregiudizi. Eppure, ciò nonostante, quindi nonostante le sentenze di assoluzione, ancora si indica il Carminati come soggetto dei servizi segreti deviati, come soggetto al soldo di Andreotti e Vitalone, come soggetto dal passato equivoco".

 

Ricciardi: "C'erano state anche accuse del pentito Abbatino, credo, che poi non avevano avuto riscontro, tra le altre...".

Naso: "Ecco".

 

Ricciardi: "Ancora a proposito di Carminati, ci sono altre accuse, in questo processo «Mafia Capitale» contestate a Carminati che lei ritenga possano essere state ingigantite a sproposito o essere addirittura del tutto infondate? Se sì, di cosa si tratta, e per quali motivi?"

 

Naso: "Guardi, la gente comune, purtroppo, la gente che viene sistematicamente disinformata da una stampa al servizio delle Procure della Repubblica, non sa, per  esempio, che nel processo «Mafia Capitale», a Carminati, e ad altri imputati, non solo a Carminati, sono state contestate talune estorsioni e tentativi di estorsione (l'estorsione è quello che volgarmente viene chiamato ricatto) senza che le persone offese, cioè i presunti destinatari di questo ricatto, siano stati interrogati; il che è surreale, perché intanto io potrò affermare che un soggetto è stato destinatario di ricatto, cioè di intimidazione e violenza, di minaccia, in quanto quella persona ammetta, riconosca, affermi, appunto, di aver subito questa forma di intimidazione e di violenza. Bene, sono state contestate quattro estorsioni solo sulla base del contenuto di conversazioni telefoniche".

 

Ricciardi: "Da interpretare, magari?"

 

Naso: "Non si è sentito il bisogno di chiedere a questa persone: «Ma voi vi siete sentite minacciate, pressate, sottoposte a ricatto, o quant'altro?» Questa per dirgliene una. C'è un'altra accusa che è veramente ridicola, risibile: si contesta a Massimo Carminati il concorso in una interposizione fittizia di beni: è una sorta di riciclaggio di natura immobiliare, insieme a Fabio Gaudenzi ed alle sorelle di Fabio Gaudenzi, perchè Fabio Gaudenzi avrebbe intestato alle sorelle una villa acquistata con proventi illeciti, su consiglio di Massimo Carminati... cioè per avere asseritamente attuato ciò (perché poi che lo abbia effettivamente dato questo non è provato), ma quanto anche fosse provato, l'aver consigliato un'altra persona di intestare un immobile alla sorella, per sottrarlo al fisco, per sottrarlo ad una eventuale azione di recupero da parte di chicchessia, ha rappresentato una sorta di concorso nel reato commesso da queste persone. Allora, se siamo a questo punto, voglio dire, se io dico ad una persona che è in difficoltà economica: «Eh, dovresti fare una rapina per mettere a posto i tuoi conti», e quello mi prende sul serio e la va a commettere, io mi dovrei sentire corresponsabile moralmente e giudiziariamente? Beh, insomma, tragga le conclusioni che ritiene da questo..."

Ricciardi: "Sì, è molto, molto chiaro. Dunque, ancora a proposito della situazione del procedimento giudiziario verso Massimo Carminati, cosa pensa del trasferimento che c'era stato in Friuli-Venezia Giulia di Massimo Carminati (quindi, abbastanza distante, oltretutto, da lei che ne è il difensore) e soprattutto, dell'applicazione di una misura particolarmente drastica, quale quella del regime del 41 bis del Codice Penale, nei suoi confronti?"

 

Naso: "L'unica buona notizia è che dal Friuli-Venezia Giulia adesso lo hanno trasferito a Parma; sempre, comunque in regime di 41 bis: è un espediente di natura strumentale, perchè non ve ne è alcuna oggettiva necessità. Si tratta di un espediente di natura strumentale per fiaccare il suo morale".

 

Ricciardi: "Anche per fare pressione?"

 

Naso: "E per rendere più difficoltoso l'esercizio del  diritto di difesa, perché è ovvio che un difensore che abbia anche altre cose da fare (ma a prescindere dalle altre cose da fare), un difensore che sta a Roma, non potrà avere un rapporto proficuo con il proprio assistito, se il proprio assistito sta a Parma, e se quando lo incontra il colloquio avviene sotto gli occhi e sotto le orecchie degli agenti penitenziari. Quindi, non può scambiare con il proprio assistito atti giudiziari".

Ricciardi: "Riservati, magari..."

 

Naso: "Eh, in effetti, niente: quindi, è ovvio che è una forma di vera e propria vessazione: spiace dire ritenuta legittima da sentenze della Corte Costituzionale, ma non sempre la Corte Costituzionale è all'altezza di se stessa".

 

Ricciardi: "Si tratta, in effetti, di una questione ancora controversa: vari giuristi hanno messo in discussione almeno alcuni aspetti dell'articolo 41 bis; è legittimo anche da parte sua l'opinione in quanto giurista, cioè l'osservazione, la tesi al proposito..".

 

Naso: "Eh, lo so, lo so che è stato messo in discussione; però sta di fatto che Carminati è in questa condizione di sub-difesa, effettiva, insomma. Pazienza: ci difenderemo lo stesso".

 

Ricciardi: " Ecco, a proposito della linea della sua difesa, può anticipare qualcosa su alcune delle azioni legali che ha intenzione di portare avanti su questo  caso politico-giudiziario di così intensa importanza?"

 

Naso: "Guardi, io sto facendo pressioni enormi, ma senza successo, presso i pubblici ministeri e presso il gip, perchè sveltiscano quanto più  più possibile i tempi e le cadenze delle indagini preliminari e ci portino, quanto prima possibile, al dibattimento. Noi vogliamo fare questo processo: lo vogliamo fare in un pubblico dibattimento; chiederemo che questo processo sia celebrato sotto gli occhi della pubblica opinione, attraverso una presenza massiccia della stampa: non ci opporremo a riprese radio-televisive".

 

Ricciardi: "Sarò tutto più  limpido, più trasparente,  così potrà esserci più garanzia...".

 

Naso: "Assolutamente: noi vogliamo che tutto ciò di cui siamo accusati venga ripetuto e rinnovato alla luce del Sole: in modo che la gente si possa rendere conto della consistenza, della serietà di queste accuse, oppure della loro pretestuosità. Confidiamo che all'esito di un giudizio di questo genere noi ne usciremo bene: non voglio dire totalmente  assolti da ogni accusa, ma sicuramente ne usciremo bene rispetto ad una accusa di mafiosità che proprio non si addice anche alla storia criminale (se la vogliamo chiamare tale, per usare il linguaggio giornalistico) di Massimo Carminati.

 

Ricciardi: "Quindi le accuse dovranno uscire fortemente ridimensionate, secondo la sua ottica...".

 

Naso: "Assolutamente sì".

 

Ricciardi: "Vuole evidenziare qualcos'altro, non evidenziato finora dalla stampa, o, comunque, più in generale?"

 

Naso: "Semplicemente che io sono soddisfatto dalle cose che lei mi ha chiesto: ha centrato i temi della vicenda «Mafia Capitale» e della vicenda Carminati in particolare. Mi auguro di vederla quanto prima al processo ad informare i suoi lettori ed i suoi ascoltatori".

 

Ricciardi: "Grazie, farò il possibile, molto volentieri, e grazie ancora a lei per questo speciale contributo che ha dato per i lettori: è stato molto chiaro, ed è stato un discorso veramente bene articolato"

 

Naso: "Grazie ancora a lei."

 

11/05/2015


home page

pagina delle interviste

Archivio interviste 2014

Archivio interviste 2013