NOTIZIE 2012

 

LEGA NAZIONALE CONTRO LA PREDAZIONE DI ORGANI
E LA MORTE A CUORE BATTENTE


24121 BERGAMO Pass. Canonici Lateranensi, 22

Tel. 035-219255 - Telefax 035-235660

lega.nazionale@antipredazione.org

www.antipredazione.org

nata nel 1985

 

LA TENACIA DI UNA MADRE

SCONGIURA LA "MORTE CEREBRALE" DEL FIGLIO


L'esperienza sotto riportata dimostra una volta ancora che in caso di ricovero in ospedale o clinica, per qualsiasi tipo di incidente, intervento o cura, va consegnata immediatamente l'opposizione all'espianto di organi, tessuti e cellule.

La determinazione dei familiari nel pretendere che tale opposizione sia scritta anche nella cartella clinica e nei moduli di consenso informato è fondamentale per la salvezza del malato e per contrastare la mentalità utilitaristica di molti medici, legati agli interessi della trapiantistica.

Questa madre ci insegna che bisogna stare sempre in ospedale al capezzale del malato.

 

"Buongiorno, 

mio nipote trentenne ha subito un pauroso incidente d'auto. Aveva molte fratture in tutto il corpo, orbita dell'occhio, naso, denti rotti, omero, compressione toracica, collasso renale, frattura del bacino, entrambe le caviglie, tibia e perone dx e sx, aveva perso conoscenza ed è rimasto diverse ore sulla barella dell'ambulanza privo di cure ed assistenza. 

E' vivo grazie solo al tempestivo intervento della madre che da Roma si è precipitata all'ospedale dove lo avevano trasportato, ha minacciato di chiamare i carabinieri se i medici non fossero intervenuti immediatamente, ha detto chiaramente che se anche il ragazzo fosse 'morto' lei non avrebbe autorizzato nessun espianto.

E' rimasta in ospedale 24 ore su 24. Quando potevo andavo a darle il cambio affinché potesse farsi una doccia etc etc. Finché mio nipote non ha ripreso conoscenza è rimasta a vigilare... 20 giorni di coma, ma ora è vivo ed anche se soffre ancora dei postumi delle fratture su cui non sono intervenuti per tempo, devo dire che conduce una vita normale. Credo che Massimiliano sia vivo solo grazie all'intervento della madre che con tenacia lo ha difeso da 'morte cerebrale'.

Ancora grazie a voi tutti.

Tiziana P."

 

Tutti noi ragazzi/e vorremmo avere una madre che, al di là degli accudimenti quotidiani di alimentazione ed educazione, sappia difenderci e difendersi dalle aggressioni e pressioni dei medici e delle istituzioni sanitarie, che esprimono la loro "pelosa umanità" scegliendo chi curare e chi espiantare.

Ma ci sono anche madri che accerchiate dagli artifici predatori dei manipolatori sanitari, nel momento più tragico della loro vita soccombono, perdendo la forza che la natura riserva solo ad una madre. Quindi noi ragazzi/e, a nome dei minori privati dei diritti personali, rivendichiamo una legge che vieti la donazione di organi, tessuti e cellule fino ai 18 anni, perché i minori non sono proprietà né dello Stato, né dei genitori, ma appartengono a sé stessi e hanno il diritto di non essere torturati.

 

Comitato Giovani

Matteo Ciarimboli

Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi

e la Morte a Cuore Battente

www.antipredazione.org

Presidente

Nerina Negrello

11/07/2012


home page

pagina delle notizie

pagina delle notizie 2011